i nostri servizi
// ]]>
D. Lgs. 231/2001
Il D.Lgs. 231/2001 ha introdotto nell'ordinamento giuridico italiano una grande novità: definisce infatti la responsabilità amministrativa delle Organizzazioni, con sanzioni pecuniarie e interdittive con risvolti penali, per eventuali reati commessi nell’interesse o a vantaggio, anche indiretto, dell’Organizzazione stessa da coloro che la amministrano o rappresentano e dai soggetti sottoposti alla loro direzione o vigilanza.
 
Tale responsabilità si aggiunge a quella della persona fisica che ha commesso il reato.
 
La novità sta anche, d’altro canto, nel fatto che lo stesso Decreto esclude la responsabilità dell’ente tutte le volte in cui tra l’illecito commesso dall’autore del fatto e la responsabilità amministrativa dell’impresa non vi è alcuna correlazione in quanto quest’ultima si è adeguatamente organizzata per prevenire i pericoli connessi alla propria attività e ciononostante l’illecito viene commesso.
 
L’impresa può cioè adottare un modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire i reati che possono essere commessi da chi opera in posizione apicale o sotto la sua vigilanza e controllo e che preveda misure idonee a garantire lo svolgimento dell’attività nel rispetto della legge e a scoprire ed eliminare tempestivamente situazioni di rischio.
 
Tale modello deve individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati, prevedere specifici protocolli, e deve introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare la violazione delle misure indicate nel modello stesso attraverso l’introduzione di un Organismo di Vigilanza interno che ne sorvegli con cadenza periodica l’applicazione.
 
Nell’ambito del rischio di incidenti sui luoghi di lavoro, il D. Lgs. 231/2001 è strettamente legato al D. Lgs. 81/2008 (il cosiddetto T. U. Sicurezza), nel quale sono ben descritte le caratteristiche dei modelli di gestione e organizzazione della Sicurezza aventi efficacia esimente della Responsabilità dell’Organizzazione, quali ad esempio quelli applicati nel caso di certificazione OHSAS 18001:2007.
 
 
I VANTAGGI
L’adozione di adeguati modelli organizzativi e di gestione porta all’azienda che li applica numerosi vantaggi in termini di:
  • semplificazione organizzativa
un modello ben strutturato favorisce la realizzazione di un sistema organizzativo armonico integrando procedure spesso contrastanti tra loro, come quelle riguardanti la sicurezza, la qualità, ecc);
  • limitazione dei rischi
l’utilizzo di un modella rende efficiente il controllo dei rischi minimizzando il verificarsi di eventi pericolosi;
  • maggiore efficienza
la condivisione delle informazioni e la definizione delle attività di controllo snelliscono le attività aziendali;
  • maggiore competitività
l’immagine dell’azienda migliora nei confronti degli stakeholders, crea vantaggi competitivi e genera nuove opportunità di affari);
  • maggiore accesso al credito bancario
la presenza di un efficace Modello Organizzativo è un parametro importante di valutazione per la concessione del credito in base a “Basilea 2”.
 
 

Per visualizzare tutta la scheda tecnica compila il modulo di registrazione oppure effettua il login
tharrosnet
chiudi

Questo sito web non utilizza cookie di profilazione. Il sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e l'uso delle applicazioni online. Proseguendo la navigazione del sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy